Main menu

IMG testata sito 2

Statuto

Allegato "A" alla raccolta n. 7789

 

STATUTO

 

ARTICOLO 1 

(Denominazione) 

1. E' costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l'Associazione di Promozione Sociale denominata: "PEDIBUS TREVISO". 

 

ARTICOLO 2 

(Sede sociale) 

1.L'Associazione ha sede in Preganziol (TV), alla Via A. Manzoni.

2. L'assemblea ordinaria degli associati  potrà trasferire altrove la sede, aprire succursali, filiali o sedi secondarie, nonché recapiti, previa comunicazione ufficiale agli associati. 

 

ARTICOLO 3 

(Finalità) 

1. L'Associazione è apartitica, non ha scopo di lucro e svolge attività di promozione, utilità e solidarietà sociale. 

2. I proventi delle attività non possono, in nessun caso, essere divisi tra gli associati, anche in forma indiretta. 

3. Le finalità che si propone sono in particolare: 

a)promuovere l'autonomia dei bambini nei loro spostamenti quotidiani ed accrescere i processi di socializzazione tra coetanei, anche attraverso l'organizzazione di "bus a piedi" con la guida di un adulto per gli spostamenti nei centri urbani; 

b)consentire un equilibrato sviluppo psico-fisico dei bambini, la loro educazione e stimolo alla mobilità sostenibile tramite un loro coinvolgimento diretto nelle attività dell'associazione; 

c)favorire il ricorso al lavoro socialmente utile di persone anziane e del mondo del volontariato per lo svolgimento delle attività istituzionali; 

d)creare gruppi di lavoro, che collaborino sinergicamente con le amministrazioni pubbliche, le altre associazioni del terzo settore, gli insegnanti, i comitati interscolastici, gli accompagnatori, i genitori; 

e)favorire la nascita di gruppi di genitori al fine di coordinare le azioni di vigilanza e controllo durante i percorsi casa-scuola, scambiare le reciproche esperienze attenuando le paure e le preoccupazioni per la sicurezza dei bambini, individuare forme di assicurazione e tutela per le responsabilità di genitori e insegnanti circa l'obbligo di vigilanza sui minori al termine delle attività scolastiche; 

f)migliorare il livello di fruibilità e di accessibilità per l'infanzia del territorio ed in particolare delle aree verdi; 

g)stimolare l'intervento delle istituzioni pubbliche per completare il raccordo delle piste ciclabili esistenti in città, per accrescere l'area dei percorsi pedonali, promuovere azioni per realizzare e potenziare aree e spazi verdi accessibili al pubblico ed adatti ai bambini dotandoli di forme di controllo e protezione solidale; 

h)ridurre gli inquinamenti atmosferici ed il rischio di patologie da esposizione a fattori inquinanti; 

i)eliminare la fase delle emergenze ambientali sviluppando progetti per una mobilità urbana ed extraurbana sostenibile; 

j)organizzare confronti pubblici, eventi culturali, corsi di formazione, mostre e convegni sui temi proposti dalle attività statutarie. 

 

ARTICOLO 4 

(Soci) 

1. Sono ammesse all'Associazione tutte le persone fisiche che ne condividono gli scopi ed accettano il presente statuto e l'eventuale regolamento interno. 

2. L'organo competente a deliberare sulle domande di ammissione è il Consiglio Direttivo. Il diniego va motivato e contro di esso non può essere proposto appello. 

Il richiedente, nella domanda di ammissione dovrà specificare le proprie complete generalità impegnandosi a versare la quota associativa se stabilita. 

3. Non è ammessa la categoria dei soci temporanei. La quota associativa è intrasmissibile.

 

ARTICOLO 5 

(Diritti e doveri dei soci) 

1. I soci hanno diritto di eleggere gli organi sociali e di essere eletti negli stessi. 

2. Essi hanno diritto di partecipare alla vita dell'associazione e di essere informati sulle attività della stessa.  

3. I soci devono versare nei termini stabiliti dal Consiglio Direttivo la quota sociale quando prevista e rispettare il presente statuto e l'eventuale regolamento interno.

 

ARTICOLO 6 

(Recesso ed esclusione del socio) 

1. L'associato può recedere dall'Associazione mediante comunicazione scritta al Consiglio Direttivo. 

2. L'associato che contravviene ai doveri stabiliti dallo statuto e dal regolamento interno può essere escluso dall'Associazione. 

3. L'esclusione è ammessa su decisione motivata dell'organo direttivo, il quale ne darà comunicazione per iscritto all'interessato. E' ammessa possibilità di appello entro 30 (trenta) giorni all'Assemblea. 

 

ARTICOLO 7 

(Organi sociali) 

1. Gli organi dell'Associazione sono: 

- Assemblea dei soci; 

- Consiglio Direttivo; 

- Presidente; 

- Vice-Presidente; 

- Tesoriere. 

2. Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito. 

 

ARTICOLO 8 

(Assemblea) 

L'Assemblea è l'organo sovrano dell'Associazione ed è composta da tutti gli associati. 

1. E' convocata almeno una volta all'anno dal Presidente dell'Associazione o da chi ne fa le veci per l'approvazione del rendiconto consuntivo. 

2. L'Assemblea è inoltre convocata a richiesta di almeno un decimo degli associati o quando il Consiglio Direttivo lo ritiene necessario. 

3. La seduta assembleare è tenuta presso la sede sociale, oppure presso altro luogo indicato nell'avviso di convocazione.

4. La convocazione dell'Assemblea avviene mediante avviso scritto contenente l'ordine del giorno da pubblicare sul sito internet dell'Associazione ovvero da comunicare agli associati a mezzo posta con preavviso di 7 (sette) giorni. 

 

ARTICOLO 9 

(Compiti dell'Assemblea) 

L'Assemblea ordinaria: 

- elegge il Presidente e il Consiglio Direttivo; 

- approva il rendiconto consuntivo; 

- approva l'eventuale regolamento interno; 

- delibera in via definitiva sull'esclusione degli associati; 

- delibera su quant'altro demandatole per legge o per statuto o sottoposto al suo esame dal Consiglio Direttivo.

L'assemblea straordinaria:

- delibera in ordine alle modifiche statutarie;

- delibera lo scioglimento dell'associazione.

 

 ARTICOLO 10 

(Validità Assemblee) 

1. L'Assemblea ordinaria è regolarmente costituita in prima convocazione se è presente, in proprio o per delega, la maggioranza degli associati aventi diritto di voto; in seconda convocazione, da tenersi anche nello stesso giorno, qualunque sia il numero dei presenti, in proprio o per delega. 

2. Non è ammessa più di una delega per ciascun associato. 

3. Le deliberazioni dell'Assemblea ordinaria vengono prese a maggioranza dei presenti e sono assunte con voto palese. 

4. L'Assemblea straordinaria approva eventuali modifiche allo statuto con la presenza, in proprio o per delega, dei 2/3 (due terzi) degli associati e  delibera a maggioranza dei presenti; essa delibera sullo sciogliemnto dell'Associazione e ne devolve il patrimonio col voto favorevole di 3/4 (tre quarti) degli associati. 

 

ARTICOLO 11 

(Verbalizzazione) 

1.Le discussioni e le deliberazioni dell'Assemblea sono riassunte in un verbale redatto dal Segretario e sottoscritto dal Presidente. 

2.Ogni associato ha diritto di consultare il verbale e di averne copia. 

 

ARTICOLO 12 

(Consiglio direttivo) 

1. Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di tre ad un massimo di sette membri in numero dispari eletti dall'Assemblea tra i propri componenti. 

2. Il Consiglio Direttivo dura in carica tre anni; i suoi membri sono rieleggibili e svolgono la loro carica in forma gratuita. 

3. Il Consiglio Direttivo è validamente costituito quando è presente la maggioranza dei componenti e delibera a maggioranza dei presenti; in caso di consiglio composto da tre membri è validamente costituito con la presenza di tutti. 

4. Il Consiglio Direttivo ha le seguenti funzioni: 

- eleggere fra i suoi membri il Vice-Presidente e il Tesoriere; 

- fissare la quota associativa all'inizio di ogni anno sociale; 

- deliberare l'ammissione degli associati; 

- redigere e presentare all'assemblea il rapporto annuale sull'attività dell'associazione e il rendiconto consuntivo; 

- determinare le linee generali programmatiche dell'attività dell'associazione; 

- redigere il regolamento dell'associazione; 

- adottare eventuali provvedimenti disciplinari verso gli associati;

- compiere tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione non espressamente demandati all'Assemblea. 

5. I membri del Consiglio Direttivo svolgeranno la propria attività nell'Associazione prevalentemente in modo personale, volontario e gratuito, senza fini di lucro, anche indiretto, in ragione delle disponibilità personali e delle competenze specifiche; essi hanno diritto di essere rimborsati per le spese effettivamente sostenute nello svolgimento dell'attività prestata. 

 

ARTICOLO 13 

(Presidente) 

1. Il Presidente ha la legale rappresentanza dell'associazione; convoca e presiede il Consiglio Direttivo e l'Assemblea degli associati. 

 

ARTICOLO 14 

(Vice Presidente) 

1. Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di impedimento temporaneo, ed in quelle mansioni nelle quali viene espressamente delegato dallo stesso. 

2. Ricopre inoltre le attività di Segretario redigendo i verbali delle riunioni e attenendo alla corrispondenza. 

 

ARTICOLO 15 

(Tesoriere) 

1. Il Tesoriere gestisce i fondi dell'Associazione, ne cura la tenuta della contabilità e la redazione del bilancio consuntivo sotto la sorveglianza del Presidente. 

 

ARTICOLO 16 

(Risorse economiche) 

1.Le risorse economiche dell'associazione sono costituite da: 

a)quote associative; 

b)contributi degli associati e di terzi; 

c)donazioni e lasciti; 

d)ogni altro tipo di entrate ammesse ai sensi della Legge 383/2000. 

2. L'associazione ha l'obbligo di impiegare gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse. 

3. L'associazione ha il divieto di distribuire, anche in modo indiretto, le entrate correnti e avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre organizzazioni che per legge, statuto o regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura. 

 

ARTICOLO 17 

(Rendiconto economico-finanziario) 

1. L'esercizio sociale decorre dall'1 (uno) gennaio di ogni anno.

2. Il rendiconto economico-finanziario è predisposto dal Consiglio Direttivo al termine di ogni esercizio; esso contiene tutte le entrate e le spese relative all'anno trascorso.

3. Il conto consuntivo deve essere approvato entro il 30 (trenta) aprile dell'anno successivo dall'assemblea generale ordinaria con le maggioranze previste dal presente statuto ed è depositato presso la sede dell'associazione almeno 15 (quindici) giorni prima dell'assemblea.

 

ARTICOLO 18 

(Scioglimento e devoluzione del patrimonio) 

1. L'eventuale scioglimento dell'Associazione sarà deciso soltanto dall'assemblea con le modalità di cui all'articolo 9 (nove). 

2. L'associazione avrà l'obbligo di devolvere il patrimonio dell'organizzazione ad altre associazioni con finalità analoghe o ad organizzazioni a fini di pubblica utilità. 

 

ARTICOLO 19 

(Disposizioni finali) 

1.Per tutto ciò che non è espressamente previsto dal presente statuto si applicano le disposizioni previste dal Codice civile e dalle leggi vigenti in materia.

 

 

Di seguito la lista disponibile dei Documenti di Direttivo

 

ATTI AMMINISTRATIVI

1. Statuto

Allegato "A" alla raccolta n. 7789

STATUTO

ARTICOLO 1 

(Denominazione) 

1. E' costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l'Associazione di Promozione Sociale denominata: "PEDIBUS TREVISO". 

ARTICOLO 2 

(Sede sociale) 

1.L'Associazione ha sede in Preganziol (TV), alla Via A. Manzoni.

2. L'assemblea ordinaria degli associati  potrà trasferire altrove la sede, aprire succursali, filiali o sedi secondarie, nonché recapiti, previa comunicazione ufficiale agli associati. 

ARTICOLO 3 

(Finalità) 

1. L'Associazione è apartitica, non ha scopo di lucro e svolge attività di promozione, utilità e solidarietà sociale. 

2. I proventi delle attività non possono, in nessun caso, essere divisi tra gli associati, anche in forma indiretta. 

3. Le finalità che si propone sono in particolare: 

a)promuovere l'autonomia dei bambini nei loro spostamenti quotidiani ed accrescere i processi di socializzazione tra coetanei, anche attraverso l'organizzazione di "bus a piedi" con la guida di un adulto per gli spostamenti nei centri urbani; 

b)consentire un equilibrato sviluppo psico-fisico dei bambini, la loro educazione e stimolo alla mobilità sostenibile tramite un loro coinvolgimento diretto nelle attività dell'associazione; 

c)favorire il ricorso al lavoro socialmente utile di persone anziane e del mondo del volontariato per lo svolgimento delle attività istituzionali; 

d)creare gruppi di lavoro, che collaborino sinergicamente con le amministrazioni pubbliche, le altre associazioni del terzo settore, gli insegnanti, i comitati interscolastici, gli accompagnatori, i genitori; 

e)favorire la nascita di gruppi di genitori al fine di coordinare le azioni di vigilanza e controllo durante i percorsi casa-scuola, scambiare le reciproche esperienze attenuando le paure e le preoccupazioni per la sicurezza dei bambini, individuare forme di assicurazione e tutela per le responsabilità di genitori e insegnanti circa l'obbligo di vigilanza sui minori al termine delle attività scolastiche; 

f)migliorare il livello di fruibilità e di accessibilità per l'infanzia del territorio ed in particolare delle aree verdi; 

g)stimolare l'intervento delle istituzioni pubbliche per completare il raccordo delle piste ciclabili esistenti in città, per accrescere l'area dei percorsi pedonali, promuovere azioni per realizzare e potenziare aree e spazi verdi accessibili al pubblico ed adatti ai bambini dotandoli di forme di controllo e protezione solidale; 

h)ridurre gli inquinamenti atmosferici ed il rischio di patologie da esposizione a fattori inquinanti; 

i)eliminare la fase delle emergenze ambientali sviluppando progetti per una mobilità urbana ed extraurbana sostenibile; 

j)organizzare confronti pubblici, eventi culturali, corsi di formazione, mostre e convegni sui temi proposti dalle attività statutarie. 

ARTICOLO 4 

(Soci) 

1. Sono ammesse all'Associazione tutte le persone fisiche che ne condividono gli scopi ed accettano il presente statuto e l'eventuale regolamento interno. 

2. L'organo competente a deliberare sulle domande di ammissione è il Consiglio Direttivo. Il diniego va motivato e contro di esso non può essere proposto appello. 

Il richiedente, nella domanda di ammissione dovrà specificare le proprie complete generalità impegnandosi a versare la quota associativa se stabilita. 

3. Non è ammessa la categoria dei soci temporanei. La quota associativa è intrasmissibile. 

ARTICOLO 5 

(Diritti e doveri dei soci) 

1. I soci hanno diritto di eleggere gli organi sociali e di essere eletti negli stessi. 

2. Essi hanno diritto di partecipare alla vita dell'associazione e di essere informati sulle attività della stessa.  

3. I soci devono versare nei termini stabiliti dal Consiglio Direttivo la quota sociale quando prevista e rispettare il presente statuto e l'eventuale regolamento interno.

ARTICOLO 6 

(Recesso ed esclusione del socio) 

1. L'associato può recedere dall'Associazione mediante comunicazione scritta al Consiglio Direttivo. 

2. L'associato che contravviene ai doveri stabiliti dallo statuto e dal regolamento interno può essere escluso dall'Associazione. 

3. L'esclusione è ammessa su decisione motivata dell'organo direttivo, il quale ne darà comunicazione per iscritto all'interessato. E' ammessa possibilità di appello entro 30 (trenta) giorni all'Assemblea. 

ARTICOLO 7 

(Organi sociali) 

1. Gli organi dell'Associazione sono: 

- Assemblea dei soci; 

- Consiglio Direttivo; 

- Presidente; 

- Vice-Presidente; 

- Tesoriere. 

2. Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito. 

ARTICOLO 8 

(Assemblea) 

L'Assemblea è l'organo sovrano dell'Associazione ed è composta da tutti gli associati. 

1. E' convocata almeno una volta all'anno dal Presidente dell'Associazione o da chi ne fa le veci per l'approvazione del rendiconto consuntivo. 

2. L'Assemblea è inoltre convocata a richiesta di almeno un decimo degli associati o quando il Consiglio Direttivo lo ritiene necessario. 

3. La seduta assembleare è tenuta presso la sede sociale, oppure presso altro luogo indicato nell'avviso di convocazione.

4. La convocazione dell'Assemblea avviene mediante avviso scritto contenente l'ordine del giorno da pubblicare sul sito internet dell'Associazione ovvero da comunicare agli associati a mezzo posta con preavviso di 7 (sette) giorni. 

ARTICOLO 9 

(Compiti dell'Assemblea) 

L'Assemblea ordinaria: 

- elegge il Presidente e il Consiglio Direttivo; 

- approva il rendiconto consuntivo; 

- approva l'eventuale regolamento interno; 

- delibera in via definitiva sull'esclusione degli associati; 

- delibera su quant'altro demandatole per legge o per statuto o sottoposto al suo esame dal Consiglio Direttivo.

L'assemblea straordinaria:

- delibera in ordine alle modifiche statutarie;

- delibera lo scioglimento dell'associazione.

 ARTICOLO 10 

(Validità Assemblee) 

1. L'Assemblea ordinaria è regolarmente costituita in prima convocazione se è presente, in proprio o per delega, la maggioranza degli associati aventi diritto di voto; in seconda convocazione, da tenersi anche nello stesso giorno, qualunque sia il numero dei presenti, in proprio o per delega. 

2. Non è ammessa più di una delega per ciascun associato. 

3. Le deliberazioni dell'Assemblea ordinaria vengono prese a maggioranza dei presenti e sono assunte con voto palese. 

4. L'Assemblea straordinaria approva eventuali modifiche allo statuto con la presenza, in proprio o per delega, dei 2/3 (due terzi) degli associati e  delibera a maggioranza dei presenti; essa delibera sullo sciogliemnto dell'Associazione e ne devolve il patrimonio col voto favorevole di 3/4 (tre quarti) degli associati. 

ARTICOLO 11 

(Verbalizzazione) 

1.Le discussioni e le deliberazioni dell'Assemblea sono riassunte in un verbale redatto dal Segretario e sottoscritto dal Presidente. 

2.Ogni associato ha diritto di consultare il verbale e di averne copia. 

ARTICOLO 12 

(Consiglio direttivo) 

1. Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di tre ad un massimo di sette membri in numero dispari eletti dall'Assemblea tra i propri componenti. 

2. Il Consiglio Direttivo dura in carica tre anni; i suoi membri sono rieleggibili e svolgono la loro carica in forma gratuita. 

3. Il Consiglio Direttivo è validamente costituito quando è presente la maggioranza dei componenti e delibera a maggioranza dei presenti; in caso di consiglio composto da tre membri è validamente costituito con la presenza di tutti. 

4. Il Consiglio Direttivo ha le seguenti funzioni: 

- eleggere fra i suoi membri il Vice-Presidente e il Tesoriere; 

- fissare la quota associativa all'inizio di ogni anno sociale; 

- deliberare l'ammissione degli associati; 

- redigere e presentare all'assemblea il rapporto annuale sull'attività dell'associazione e il rendiconto consuntivo; 

- determinare le linee generali programmatiche dell'attività dell'associazione; 

- redigere il regolamento dell'associazione; 

- adottare eventuali provvedimenti disciplinari verso gli associati;

- compiere tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione non espressamente demandati all'Assemblea. 

5. I membri del Consiglio Direttivo svolgeranno la propria attività nell'Associazione prevalentemente in modo personale, volontario e gratuito, senza fini di lucro, anche indiretto, in ragione delle disponibilità personali e delle competenze specifiche; essi hanno diritto di essere rimborsati per le spese effettivamente sostenute nello svolgimento dell'attività prestata. 

ARTICOLO 13 

(Presidente) 

1. Il Presidente ha la legale rappresentanza dell'associazione; convoca e presiede il Consiglio Direttivo e l'Assemblea degli associati. 

ARTICOLO 14 

(Vice Presidente) 

1. Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di impedimento temporaneo, ed in quelle mansioni nelle quali viene espressamente delegato dallo stesso. 

2. Ricopre inoltre le attività di Segretario redigendo i verbali delle riunioni e attenendo alla corrispondenza. 

ARTICOLO 15 

(Tesoriere) 

1. Il Tesoriere gestisce i fondi dell'Associazione, ne cura la tenuta della contabilità e la redazione del bilancio consuntivo sotto la sorveglianza del Presidente. 

ARTICOLO 16 

(Risorse economiche) 

1.Le risorse economiche dell'associazione sono costituite da: 

a)quote associative; 

b)contributi degli associati e di terzi; 

c)donazioni e lasciti; 

d)ogni altro tipo di entrate ammesse ai sensi della Legge 383/2000. 

2. L'associazione ha l'obbligo di impiegare gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse. 

3. L'associazione ha il divieto di distribuire, anche in modo indiretto, le entrate correnti e avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre organizzazioni che per legge, statuto o regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura. 

ARTICOLO 17 

(Rendiconto economico-finanziario) 

1. L'esercizio sociale decorre dall'1 (uno) gennaio di ogni anno.

2. Il rendiconto economico-finanziario è predisposto dal Consiglio Direttivo al termine di ogni esercizio; esso contiene tutte le entrate e le spese relative all'anno trascorso.

3. Il conto consuntivo deve essere approvato entro il 30 (trenta) aprile dell'anno successivo dall'assemblea generale ordinaria con le maggioranze previste dal presente statuto ed è depositato presso la sede dell'associazione almeno 15 (quindici) giorni prima dell'assemblea.

ARTICOLO 18 

(Scioglimento e devoluzione del patrimonio) 

1. L'eventuale scioglimento dell'Associazione sarà deciso soltanto dall'assemblea con le modalità di cui all'articolo 9 (nove). 

2. L'associazione avrà l'obbligo di devolvere il patrimonio dell'organizzazione ad altre associazioni con finalità analoghe o ad organizzazioni a fini di pubblica utilità. 

ARTICOLO 19 

(Disposizioni finali) 

 

1.Per tutto ciò che non è espressamente previsto dal presente statuto si applicano le disposizioni previste dal Codice civile e dalle leggi vigenti in materia.

 

2. REGOLAMENTO :

Il presente regolamento consta di un unico articolo stante la completezza dello Statuto. Unica integrazione rispetto a quanto disciplinato dallo statuto riguardano i rapporti tra gli associati, ed in particolare i rapporti con soggetti esperti, che prestino la propria attività in maniera gratuita e su base volontaria in favore dell’Associazione. 

RELAZIONE RELATIVA AL RUOLO DEGLI ASSOCIATI: determinati soggetti verranno chiamati soci operativi , detti soci costituiscono il fulcro dell’associazione essendo parte di questi tra i fondatori e gli altri associatisi in seguito ricoprono ormai un ruolo di fondamentale importanza operativa per l’associazione stessa. Essi oltre che prestare in qualità di associati attività di volontariato come accompagnatori  ricoprono ruoli operativi al di la dei benefici strettamente legati alle loro famiglie nel perseguimento quotidiano del servizio Pedibus  e sono coloro che investono mezzi propri considerabili di fatto alla pari di quote associative che per altro al momento non sono chieste dall’associazione agli associati. 

3. Autorizzazione APS: APS/TV 0164

4. Codice Fiscale : 94118490260

 

 

VERBALI di DIRETTIVO

data - Verbale

data - Verbale

data - Verbale

data - Verbale

data - Verbale

 

Sostenitori

Adesioni

Logo Lasciamo il segno